Pubblicato in: Link

Penne all’arrabbiata


http://www.pepperfriends.com/forum/topic/5157-penne-allarrabbiata/

Premessa
di peperoncino con ne capisco un capsicum ma in cucina sono il re!

Sul web ci sono tante ricette pocheria che nell’arrabbiata ci mettono di tutto (basiilico, carne, carote, cipolla, pecorino parmigiano) che rovinano una delle ricette più semplici del mondo e probabilmente con il sapore più indimenticabile che esiste.

Mio padre aveva un ristorante e le nostre penne all’arrabbiata le venivano a mangiare anche da molto lontano.
Quando faccio una cena con gli amici loro mi chiedono sempre una di queste ricette: penne all’arrabbiata, bucatini all’amatriciana, tonnarelli cacio e pepe, pappardelle al salmì di cinghiale; comunque le più richieste sono le penne.

Ricetta.

Quando l’acqua bolle buttate mezzo chilo di penne, di qualità e che non scuociono subito.
Fate soffriggere in un tegame largo e sul fornello più potente a fuoco basso per pochissimo tempo due tre spicchi di aglio schiacciati e non sgusciati in mezzo bicchiere di olio aggiungendo quando l’olio è già caldo il peperoncino (che io preferisco spaccato a metà e non tritato). Dopo un minuto alzare la fiamma al massimo e quando l’olio è caldo (non bruciato) aggiungere il pelato precedentemente tagliato e l’acqua con cui avete sciacquato il barattolo del pelato. Sempre con la fiamma al massimo attendere che la salsa inizi il primo bollore, circa uno due minuti dopo, quindi spegnere il fuoco.
A questo punto la pasta dovrebbe essere cotta, scolatela MOOOOLTO al dente e unitela alla salsa ancora calda o precedentemente riscaldata saltandola al massimo per un minuto. Spegnere il fuoco ed aggiungere un bel mazzo di prezzemolo che vatagliato grossolanamente con un coltello direttamente sul tegame. Girare e servire.

Ecco i passaggi cruciali:
Aglio: tritato non si digerisce bene e poi chi non lo ama non po può più togliere. Intero e con la buccia si digerisce benissimo e si può sempre scansare
Soffritto: soffritto è diverso da olio bruciato!
Peperoncino: se si chiama arrabbiata ci sarà un motivo! questo è l’unico piatto dove il molto piccante è permesso (per i comuni mortali, per quelli del forum ahahahahahhhhhahahhah..)
Olio: extra vergine obbligatoriamente. Il medico sconsiglia il soffritto e al massimo ne permette un cucchiaino: lasciate perdere l’arrabbiata!
Pomodoro: Anche se avete a disposizione i migliori pomodori freschi del mondo (come nel mio caso) per l’arrabbiata ci vuole un buon pelato punto e basta. Il pelato va versato in un piatto e schiacciato con una forchetta o meglio tagliato con un coltello e bisogna aggiuncerci l’acqua con cui si risciacqua il barattolo. non usate un pelato economico ma il migliore che trovate al supermercato. Per la cottura avete letto bene: buttatelo nell’olio bollente, appena riprende il bollore spegnere il fuoco. E’ un piatto fresco e non serve certo un sugo cotto. Ripeto il pomodoro deve essere solo scaldato e non cotto.
Saltare la pasta: in questo caso più che saltare si tratta di amalgamare bene pasta e salsa quindi non eccedere il minuto perchè altrimenti l’amido della pasta rende la salsa troppo cremosa e in questo piatto non va bene.
Prezzemolo: mi fa ridere che in televisione e su youtube ci sono questi grandi cuochi distamin***a (permettetemelo) che hanno sul tavolo una bella tazza di prezzemolo o basilico tritato. Bene, diffidate di questi cialtroni spacciatori di porcherie! Prezzemolo e basilico andrebbero strappati a mano al momento in quanto rilasciano il loro aroma in questo momento. Se è già tritato non sa più di molto. Non dico di strapparlo a mano ma che ci vuole a tritarlo con un coltello all’ultimo momento sul tegame? E poi dove si è mai visto che il prezzemolo debba cuocere? Mai e ripeto MAI far cuocere il prezzemolo in questa ricetta , se proprio si vuole farlo appassire mettetelo nella salsa dopo aver spento il fuoco mentre aspettate che la pasta sia cotta.

Di prezzemolo ce ne vuole tanto anche perche se la pasta è davvero arrabbiata il sapore che dovreste sentire è questo :

– la croccantezza della pasta al dente
– un dannatamente piacevole ma forte sapore piccante
– un leggero profumo di aglio
– un rinfrescante profumo e sapore di prezzemolo che ci farà esultare di gioia
– un confortevole sapore dolce del pomodoro che unito all’olio sembrano voler rinfrancare la bocca delle pene provocate dal vostro ghost

Il sale è a vostro gusto, ma sappiate che questo piatto non ne richiede molto.

Servire assolutamente in piatti piani e ricordarsi che quelli fondi servono solo per le zuppe e non per la
pasta.

Bollire la pasta in almeno 4 litri di acqua

Provate, e non rimarrete delusi

Lorenzo

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *